Tutta la Spagna in un villaggio

Dove si può vedere tutta la Spagna in un singolo villaggio? Facile, nel suggestivo Poble Espanyol. Situato a Montjuïc, questo museo a cielo aperto di 49.000 mq, offre la possibilità di visitare tutta la Spagna, senza mai lasciare la città. Montjuïc è il punto più alto nel centro di Barcellona. A partire dai cambiamenti fatti per l’Esposizione Universale del 1929 e le Olimpiadi del 1992, Montjuïc è diventata una zona molto interessante da vivere sia di giorno che di notte. Durante il vostro soggiorno al Mercer Hotel Barcelona, l’innovativo hotel boutique che incarna la straordinaria combinazione tra il patrimonio storico della città, il design contemporaneo ed un livello di servizio eccezionale, si deve godere di una passeggiata che porta in un viaggio nel tempo attraverso l’architettura spagnola tra passato e moderno, il tutto entrando a Poble Espanyol de Montjuïc altrimenti noto come il Villaggio Spagnolo.

Il villaggio è stato costruito nel 1929 per l’Esposizione Universale con lo scopo di riunire gli stili architettonici provenienti da tutta la Spagna in un solo villaggio. Anche se inizialmente doveva durare per soli 6 mesi, a causa della sua popolarità questo villaggio è rimasto aperto sino ad ora. Un viaggio dall’Andalucia alle Isole Baleari passando per la regione basca. 177 elementi tra strade, piazze e palazzi che sono stati riprodotti, alcuni repliche identiche degli originali, volti a rappresentare lo stile architettonico della nazione. E’ stato originariamente concepito come un “modello idealedi una città iberica che ha riunito le principali caratteristiche di ogni città della penisola. L’attività di caccia al tesoro vi permetterà di scoprire le curiosità e conoscere gli usi e costumi di ogni luogo, come se si stesse viaggiando intorno la Spagna.

“Mi scusi, come faccio ad arrivare in Andalucia?”

“Facile! Basta andare attraverso Maiorca, e poi prendere la prima strada a sinistra.

Solo in Poble Espanyol si può sentire questa interazione. Questa “città nella città” è un modello in dimensioni reali di un tipico pueblo spagnolo, fatta di 117 copie di edifici noti. Originariamente progettato dall’architetto modernista Puig i Cadafalch per l’Esposizione Internazionale del 1929, Poble Espanyol è ora il 5° luogo più visitato di tutta Barcellona, che è una sorpresa dato ha da offrire la città. Per gli amanti dell’arte moderna, c’è la Fundación Fran Daurel, una collezione permanente di oltre 300 opere di artisti come Picasso, Dalí, Miró e Barceló; la scultura EntornContorn di Josep Guinovart ed i Giardini scultorei; un’area verde di 5000 mq con una splendida vista su Barcellona. Per gli amanti dello shopping e dell’artigianato, ci sono 40 laboratori e 22 negozi a Poble Espanyol che si occupano di ceramica, incisione, pittura decorativa, vetrofusione, pupazzi, gioielli, maschere, sculture, cuoio, ricamo, tessitura di cestini, e tanto altro.

La caccia al tesoro è un modo eccellente per le famiglie con bambini di età compresa tra 3 e 12 anni per visitare al massimo Poble Espanyol. Decodifica i suoi misteri e scopri tutto quello che c’è da sapere su questo museo a cielo aperto. La domenica inoltre sono presenti speciali attività pensate per i più piccoli che comprendono burattini, narrazioni, musica e magia. Per gli amanti del flamenco, il Tablao de Carmen situato nel Barrio Andaluz mette in scena il miglior spettacolo di flamenco a Barcellona. Ci sono 2 spettacoli serali (19:30 e 21:30) e si può anche scegliere di cenare mentre vi godete la musica, la danza ed il canto.

Related Posts