Spagna

Spagna: storia, brividi, bellezze

Madrid (foto sopra), Canarie, Baleari, Barcellona: in Spagna ci sono tantissimi luoghi capaci di provocare un brivido per la bellezza, per la particolarità o per la storia che racchiudono. Luoghi che bisogna visitare almeno una volta nella vita. In Spagna ce ne sono diversi, alcuni dimenticati dai circuiti turistici più glamour ma assolutamente sorprendenti. Ne suggeriamo alcuni.

Spiaggia delle Catedrales

Camminare in riva al mare tra gli archi di una “cattedrale di pietra”. È quello che ti aspetta se deciderai di visitare la Praia das Catedrais a Ribadeo (Lugo) in Galizia. Le curiose formazioni prodotte dal vento e dall’acqua fanno di questa spiaggia una delle più belle di tutta la Spagna. Per questo, quando si abbassa la marea, vale la pena di togliersi le scarpe e fare una passeggiata di quelle che ti rimettono in pace con il mondo.

Rio Tinto

Questo luogo è stato scelto dalla NASA e dall’Agenzia Spaziale Europea per effettuare i propri esperimenti. Tutto perché il bacino minerario di Río Tinto (Huelva) assomiglia in qualche modo al pianeta Marte. Il paesaggio è sicuramente misterioso: un fiume e rocce rosseggianti con una scarna vegetazione. Eppure la diversità della vita che lo popola è sorprendente. Per conoscere la zona la cosa migliore è visitare il Parco Minerario di Riotinto, dove potrai fare un viaggio in treno, addentrarti in una miniera, visitare una casa vittoriana e scoprire la storia del luogo.

Bardenas Reales

Un deserto inaspettato perché si trova in Navarra, una zona della Spagna settentrionale ricca di paesaggi verdi e montuosi. Tuttavia nella parte sud-orientale di questa terra si estendono 42.500 ettari semidesertici con formazioni, gole e rilievi che sembrano usciti da un racconto di fantascienza. Per la sua rara bellezza, risultato di migliaia di anni di erosione, questo Parco Naturale è stato location di film di 007 come “La morte può attendere”. Non occorre essere come Bond: puoi seguire uno degli itinerari segnalati a piedi, in bicicletta, a cavallo o con automezzi.

Itinerario del Flysch

Zumaia

Viaggiamo fino alla costa dei Paesi Baschi e ci fermiamo in particolare a Zumaia, Deba e Mutriku. Le scogliere di questa zona tolgono il fiato, soprattutto sapendo che hanno più di 50 milioni di anni di storia geologica che l’azione del mare la lasciato allo scoperto. Per ammirarle puoi fare un percorso di trekking sulla costa o partecipare a una delle escursioni in mare che vi si organizzano. Non succede tutti i giorni di avere davanti agli occhi le prove dei grandi cataclismi della storia della Terra.

Las Medulas

I romani scelsero questo luogo in provincia di León per estrarre oro, crearono la maggiore miniera a cielo aperto di tutto l’impero e trasformarono per sempre il paesaggio. Oggi è iscritto nell’elenco del Patrimonio Mondiale ed è una vera delizia visitarlo al tramonto e vedere come il sole si nasconde tra le rosse colline. Una buona idea è cominciare la visita dall’aula archeologica, per fare poi naturalmente sosta al Belvedere della Orelllàn.

Cuenca in Castiglia

Tutto ebbe inizio 90 milioni di anni fa, quando questo luogo faceva parte del mare di Thetis. Quando le acque si ritirarono, la pietra calcarea si erose progressivamente creando le curiose formazioni che oggi è possibile osservare. In un percorso di 2,5 chilometri potrai vedere un elefante che lotta contro un coccodrillo, un mare di pietra, un convento, uno scivolo… basta solo lasciare andare l’immaginazione a briglia sciolta.

Caminito del Rey

A suo tempo questo sentiero di Malaga in Andalusia era considerato il più pericoloso del mondo. Oggi puoi sentirti completamente al sicuro se decidi di percorrerlo, anche se dovrai comunque affrontare delle vedute da vertigini. Non a caso la Gola di Gaitanes scavata dal fiume Guadalhorce e dalla quale dovrai passare, raggiunge i 700 metri di profondità. Avrai il coraggio di guardare di sotto? Ne vale la pena.

Monastero de Piedra

All’improvviso, a sud di Saragozza in Aragona, come se di un’oasi si trattasse, sorge questa sorpresa della natura. Anche se il suo nome fa riferimento a un monastero del XII secolo aperto al pubblico, la sua fama si deve a un paesaggio ricco di cascate e grotte, alcune spettacolari come la Cola de Caballo o la Caprichosa. Passeggiare per i suoi belvedere, cercare il proprio riflesso sullo specchio del lago, ascoltare il suono dell’acqua o assistere a una dimostrazione di falconeria saranno parte di un’esperienza difficile da dimenticare.

Lanzarote

Lanzarote è l’isola più orientale delle Canarie e nonostante sia formata da un terreno vulcanico che sembra lunare, la vita si fa spazio al suo interno in modo splendido. Potrai vederlo facendo un giro dei vulcani del Parco Nazionale di Timanfaya, visitando la Grotta o il Charco de los Ciclos, una laguna collegata al mare dal colore inatteso. La terra delle Montagne di Fuoco non delude mai.

Vetta della Spagna

Non poteva certo mancare da un elenco come questo il luogo delle Canarie che accoglie la vetta più elevata di tutta la Spagna: il Teide, in inverno imbiancata di neve e alta 3.748 metri (si dice che sia la terza struttura vulcanica più alta e voluminosa della terra, che può essere raggiunta in teleferica). La cima fa parte di un Parco Nazionale più esteso, anch’esso iscritto nell’elenco del Patrimonio Mondiale perché non gliene mancano sicuramente i requisiti di bellezza. Attraversare la zona e ammirare un paesaggio lunare, osservare animali e piante che esistono solo in questo posto del mondo, è un vero spettacolo.

Atlantide

Tramonto al Doñana National Park

Il National Geographic ha ipotizzato che la città perduta di cui parlava Platone (“oltre le Colonne d’Ercole”) potrebbe trovarsi sotto le terre del Parco Nazionale di Doñana. Mentre si cerca di risolvere il mistero, bisogna accontentarsi degli incredibili paesaggi di dune e lagune di questo luogo dell’Andalusia.

Related Posts