Santorini, Grecia da cartolina

Questa è la Grecia da cartolina

Visitare piccoli villaggi come Oia possono essere una delle esperienze di viaggio più memorabili che si possono godere sull’isola greca di Santorini. Questa è la Grecia da cartolina, circondata dal brillante mediterraneo, con case bianche e le chiese dalle cupole blu che sporgono verso le scogliera. Piccoli villaggi di pescatori come Oia offrono rare occasioni di vero relax e di meditazione, ma anche un sacco di opportunità per un incredibile vita notturna e tanta cultura. Ci sono molti posti dove deliziarsi di frutti di mare appena pescati, prendere il sole ed anche provare il cliff diving. Ecco la nostra carrellata di ciò che si può vedere e si può fare quando si visita la splendida Santorini.

Soggiornare al Sun Rocks Hotel

Se siete in cerca di un posto incantevole che offre una vista incredibile, servizio impeccabile e una serie di servizi confortevoli, prendete in considerazione il Sun Rocks Hotel. Offrono una vasta scelta di camere, junior suite e suite esclusive con tanto di terrazze o balconi privati. Hanno anche una vista incredibile sulla caldera e sulle isole dell’Egeo. E’ disponibile una piscina con bar ed ogni giorno viene offerta una strepitosa colazione a buffet. Le camere sono dotate di TV satellitare nonché in loco è presente un ristorante gastronomico.

Go scuba diving

Qui le acque del mare sono cristalline, il che rende Santorini uno dei posti migliori dove fare immersioni. Ci sono diverse diving center in attività sull’isola, il che aiuta tutti gli appassionati a godere delle bellezze sottomarine di quest’isola ricca di rocce vulcaniche e vita marina.

Provare la cucina locale

La città di Santorini si trova su un suolo vulcanico il che lo rende ricco di sostanze nutritive dove crescono prodotti più deliziosi che altrove. Chiedete al vostro hotel quali ristoranti consigliano per provare l’autentica cucina locale a base di prodotti coltivati nella zona e di tutto ciò questa ricca terra ha da offrire.

Esplorare Akrotiri

Akrotiri è un antico insediamento dell’isola che è stato distrutto migliaia di anni fa da una eruzione vulcanica che l’ha ricoperta di cenere. E’ stato riscoperto nel 1960 dove essersi ben conservato nel corso degli anni diventando un luogo perfetto per gli archeologi. Dopo essere stato chiuso al pubblico per 6 anni, è ora aperto di nuovo e tutti gli appassionati di archeologia a Santorini devono farvi una capatina, in quanto questo posto merita almeno una visita. Anche se alcune parti del sito sono ancora chiuse in quanto sono in corso di restauro, i punti che sono al momento disponibili permettono di scoprire antiche case e ceramiche del passato.

Visitare una cantina

Il vino è prodotto a Santorini fin dai tempi antichi e da allora è diventato uno dei vini più famosi del pianeta. Ci sono una serie di cantine che si possono visitare e quindi entrare in contatto con l’antico procedimento di fare il vino della città. I vini bianchi sono i più famosi, quindi assicuratevi di berne un sorso o due (o dieci) durante i vostri tour delle cantine e non solo.

Godere del tramonto di Santorini

Se sei un romanticone, ci sono pochi posti al mondo che potranno ispirarti più delle isole greche. Qui i tramonti non hanno rivali. Fermati in uno dei piccoli bar presenti sull’isola, prendi un cocktail e fermati a godere della vista mozzafiato sul Mar Mediterraneo. Gli edifici di Santorini del tipico color bianco, durante il tramonto si trasformano in color oro con tocchi di rosa, da non perdere. Consigliamo come buon posto da dove guardare il tramonto, Oia Castle, è sicuramente uno dei migliori in Santorini.

Visitare Oia

Oia si trova a nord dell’isola ed è un piccolo villaggio perfetto per ammirare i tipici edifici bianchi di Santorini. Perdetevi tra le vie che si snodano intorno alla città e tenete sempre pronta la vostra macchina fotografica per immortale qualsiasi cosa vi stupisca. Sarà semplice trascorrere diverse ore in giro con la paura di poter tralasciare qualcosa. La buona notizia è che dovunque andiate, siam sicuri che non avrete mai intrapreso una strada sbagliata.




Related Posts