Lech Am Arlberg

Gli anelli di Lech am Arlberg

Lech am Arlberg, il piccolo villaggio alpino austriaco, sarà una piacevole sorpresa per tutti coloro che visiteranno la Svizzera e l’Austria. Una strada panoramica di circa due ore e mezza sul Arlberg Express Bus dall’aeroporto di Zurigo da dove godere di un brillante panorama. È interessante notare che è stata fondata nel 14° secolo dai migranti Walser che arrivavano da uno dei cantoni svizzeri. Le cime maestose, i laghi cristallini e l’architettura caratteristica sono semplicemente accattivanti. Gli sciatori di tutto il mondo conoscono benissimo questo resort frequentato da ricchi e famosi come la principessa Diana, i reali di Olanda e di Giordania e l’attore Tom Cruise. Tale è il fascino di questo luogo che anche i non sciatori decidono di visitarlo e godere di escursioni in slitta trainata da cavalli, passeggiate nei boschi, visite alla Chiesa di San Nicola risalente al 14° secolo ed al piccolo museo che mostra lo stile di vita durante i giorni medievali.

Lo sci alpino è una priorità importante a Lech/Zuers am Arlberg. Per secoli Arlberg è stata famosa per essere la “culla dello sci alpino” e lancia un incantesimo su sciatori entusiastici anno dopo anno, inverno dopo inverno. Perché ad Arlberg la tradizione e modernità si incontrano. Una stazione sciistica con i più alti standard di comfort e 340 km di piste avventurose che alzano l’adrenalina degli sciatori anche più esperti e garantiscono una vacanza sugli sci assolutamente rilassata e variopinta, il tutto nel cuore di Arlberg. Con circa 300 hotel, garni, bed & Breakfast ed appartamenti per vacanze, troverete la giusta sistemazione per le vostre esigenze. Sia in inverno che in estate, sia che si alloggi in un accogliente pensione familiare o in un esclusivo hotel di lusso, come il Kristiania Lech, troverete un ambiente cordiale con l’unico obiettivo di coccolarvi e sorprendervi, durante tutto il soggiorno. Parlando di Kristiania Lech, è più di un hotel, più di una destinazione, il Kristiania Lech è uno stile di vita contemporaneo. Un design moderno premuroso è evidente non appena si varcano le porte del Kristiania Lech, con pezzi d’arte in diversi punti, tra cui più di 200 dipinti, sculture, stampe originali ed arazzi. Le 29 camere e suite sono decorate individualmente con colori caldi, tessuti personalizzati e mobili artigianali. Cioccolatini fatti in casa, un mini bar gratuito e connessione internet wireless sono alcuni dei tocchi di lusso del Kristiania Lech mentre la genuina ospitalità europea dello staff del Kristiania si farà sentire in ogni dettaglio, anche il più piccolo.

C’è da pensare che alcuni scelgono questa località per imparare a sciare perché Lech è nota per le sue scuole di Sci alpino più moderne al mondo. Il turismo è il pilastro del paese il che da ragione della presenza in paese di diversi hotel, ristoranti e caffè. L’inverno è la stagione dove tutto è prenotato da mesi. In estate, con i prati fioriti, Lech offre gite in bicicletta lunghe una ventina di chilometri, trekking nei boschi con prelibatezze culinarie mentre da luglio a metà settembre il posto attira visitatori con pacchetti ad un prezzo speciale. Tra le tante attività disponibili a Lech/Zuers am Arlberg, due sono le più interessanti, 1 per ogni stagione: l’Anello Bianco e l’Anello Verde.

L’anello bianco è il leggendario circuito sciistico tra Lech, Zuers, Zugo e Oberlech. Questo circuito sciistico è unico nelle Alpi e celebra lo sci in una particolare gara da ben oltre 57 anni. E lo fa in maniera davvero particolare. Le funivie originarie, le seggiovie e le piste dell’Anello Bianco continuano ad essere il cuore del fantastico comprensorio di Lech/Zuers am Arlberg, creato da arditi pionieri dello sci. Ed oggi offre 94 impianti di risalita per vivere lo sci in libertà nell’Arlberg. Nella stagione 2005/2006, in occasione del 50° anniversario del tradizionale circuito, venne indetta la prima manifestazione “L’Anello Bianco – La Gara”, la gara di sci più lunga del mondo. Il tragitto, che si snoda su ben 22 km con un dislivello di 5.500 mt, parte da Rufikopf e si snoda attorno a Lech/Zuers am Arlberg, con la leggendaria discesa del Madloch. Detiene il record di gara l’ex campione di sci alpino Patrick Ortlieb con un tempo di 44:35:07 minuti.

L’Anello Verde è un’escursione ricca di segreti e creature fatate. Che Lech/Zuers sia una località di villeggiatura molto gradevole anche in estate, è ormai un fatto noto da tempo, sia agli intenditori che agli amanti della natura. Una peculiarità di questo scenario naturale straordinario è l’Anello Verde che offre sentieri escursionistici adatti ad ogni età, con diversi gradi di difficoltà. In questa escursione di tre giorni a tappe, che nella zona attorno a Lech attraversa valli, passa accanto a laghi alpini e a fiumi con le loro cascate, gli escursionisti potranno immergersi in un mondo di saghe e leggende rivisitate e messe in scena con arguzia e charme, potranno godersi la natura e lasciarsi incantare da installazioni straordinarie, nonché da storie appositamente create. Daniel Nikolaus Kocher, un giovane scultore che nutre una grande sensibilità nei confronti della bellezza del mondo alpino, ha elaborato insieme alla scrittrice Daniela Egger, il Mondo delle Idee dell’Anello Verde, grazie al quale creature fiabesche, leggende, nomi di località e particolarità geografiche ricevono una nuova veste moderna e ricca di humor. Una carta escursionistica letteraria guida attraverso zone fino ad oggi poco battute, stimolanti ed interessanti che, ad occhio nudo, sarebbero difficilmente riconoscibili. Le panchine piazzate in posti strategici e le installazioni aiutano a scoprire questi fluttuanti mondi intermedi, nel contempo sulle tre vette da raggiungere lo sguardo può spaziare lontano, si può altresì spedire questo leggendario panorama con un clic del mouse ad una pagina internet del Libro delle Vette. L’estate tra le montagne di Lech/Zuers ha raggiunto una dimensione del tutto nuova con l’Anello Verde in quanto si possono vivere splendide esperienze di natura letteraria, naturale ed artistica

Related Posts