Musei di Londra

Girando per i musei fuori dai sentieri battuti

Le gallerie ed i musei di Londra sono alle volte un’esperienza travolgente, una sfilata infinita di visitatori disorientati che bloccano la vista e di solito accompagnati da una colonna sonora intensa di clic della fotocamera. Ma c’è una scena diversa e molto più interessante di arte e design in città se solo si conoscessero i giusti indirizzi, per lo più a due passi dalla via principale. Con un piccolo sforzo, si possono scoprire artisti che si mescolano con la gente del posto in cafè con vista o in caccia di souvenir bizzarri per stupire gli amici a casa.

Ci sono sempre un sacco di meravigliosi hotel in una fiorente città come Londra. Catene di alberghi di lusso attirano i visitatori grazie al loro nome, altri hanno cavalcato l’onda della fama per via degli  ospiti di rilievo che vi hanno soggiornato. Poi ci sono quelli che si sono fatti largo offrendo qualcosa di unico: una posizione privilegiata, una vasca notevole, il ristorante od il servizio. Il The Athenaeum Hotel & Residences vanta molte ragioni per essere chiamato casa durante il vostro soggiorno in questa città eccezionale. Riaperto nel luglio 2016 a seguito di una ristrutturazione  multimilionaria completata dall’agenzia di design britannico Kinnersley Kent design, l’hotel offre 162 camere e suite di lusso, un nuovo ristorante gestito dai fratelli Galvin ed un tea del pomeriggio  che è stato a lungo famoso per la sua eccellenza. Situato a Mayfair, il The Athenaeum Hotel & Residences è l’essenza dell’essere inglesi: discreto, personale, accogliente, interessante, ricco, eccentrico e con i piedi per terra.

Tornando ai musei, di seguito è possibile ottenere una fetta di vera ispirazione di Londra ed una fetta di torta imbattibile allo stesso tempo.

Institute of Contemporary Art (ICA)

Una casa di creazione sovversiva dal 1940, l’Institute of Contemporary Art (ICA) si è assicurato il suo proprio angolo ribelle su The Mall, la strada che conduce dall’illustre Trafalgar Square a Buckingham Palace, nel corso degli eleganti spread di St James Park. Passeggiate attraverso le file di pilastri che danno il senso di classe di un boulevard parigino ed entrare in un mondo popolato da artisti del calibro di Damien Hirst e Yoko Ono, William Burroughs e The Smiths. Qui potrete vedere una selezione di artisti emergenti che metteranno alla prova le vostre idee e punti di vista, con mostre e conferenze, proiezioni di film e musica dal vivo. Il cafè, con vista sul parco, fonde fiori graziosi con gustosi piatti e ritmi moderni, dando spazio ad incontri post-spettacoli nonché dibattiti. Troverete anche una collezione perfettamente integrata di DVD e libri sulla teoria dell’arte, filosofia, politica e suono.


British Film Institute (BFI)

A pochi minuti a piedi sopra il panoramica ponte di Waterloo sul lato sud del Tamigi, il British Film Institute vi aspetta per una totale immersione nel mondo fantastico del cinema: dai classici come Guys and Dolls ed ET alle prime del London Film Festival ed il Q & A con famose star dello schermo. Il BFI è il luogo di incontro per gli appassionati di film ed appassionati del Tamigi allo stesso modo. Cercate la collezione di Pedro Almodovar al negozio, prima di prendere la strada verso il Riverfront Cafe, Bar & Restaurant per deliziosi stuzzichini e bevande sotto il ponte di Waterloo. Tempo permettendo, afferrate una chaise lounge per osservare la gente (il mercato dei libri di seconda mano e libri antichi di Southbank Centre è poco più avanti) oppure lasciatevi ipnotizzare dai giochi d’ombra del sole quando tramonta.


Hayward Gallery

Parte del Southbank Centre, la Hayward Gallery ospita prestigiose sedi come la Royal Festival Hall. E poi la Hayward Gallery si trova a pochi passi dal BFI che non è mai a corto di eventi emozionanti. Nel corso degli anni, i visitatori della galleria hanno potuto saltare su una barca e remato su una piccola piscina sul tetto, posato su bolle di plastica giganti sopra i tetti di South Bank o partecipato a giochi emozionanti di luce, in una serie di mostre che persistentemente hanno sfidato percezioni, in bilico tra realtà virtuale e fisica. La Concrete Day Cafe & Night Bar ci riporta di nuovo con i piedi per terra con insalate di stagione, vecchi classici del soul e una mostra di opere d’arte che cambia. Anche se c‘è da dire che i buongustai più dedicati farebbero meglio a dirigersi verso il Food Market Real (la maggior parte dei fine settimana tra la galleria e la Royal Festival Hall).


Serpentine Galleries

Parlando di sorprese, le Serpentine Galleries sono due gallerie d’arte contemporanee che prendono il nome dal lago Serpentine, che si posa serenamente nei giardini di Kensington ed Hyde Park. Dai classici di Andy Warhol alle imprese audaci dell’acclamata artista serba Marina Abramovic, alla giocosa fontana con tubi da giardino di Bertrand Lavier, il Serpentine è in missione per stordire i visitatori, anche se tutto quello che poi fanno dopo è quello di bere una buona tazza di caffè. Ogni anno un famoso architetto, da Zaha Hadid a Frank Gehry, è incaricato di progettare un padiglione estivo temporaneo, in modo da poter finalmente conoscere e mangiare un muffin succulento all’interno di un guscio d’uovo gigante.


Gallerie a parte, ci sono due musei a Londra che meritano una visita per la loro unica raccolta di  quotidiani britannici che sono un jolly divertente per bambini ed adulti.

The Museum of Brands, Packaging and Advertising

Caratterizzato dalla collezione dello storico Robert Opie, è immerso nelle strade di Notting Hill. Il museo vi guiderà attraverso un labirinto di 12.000 stranezze e curiosità dal 1800 ad oggi – cosmetici Rimmel del 1890, KitKats del 1930, giocattoli per bambini e detergenti che passeranno alla storia per essere i più avvincenti che mai. Inutile dire che il negozio del museo è un’esperienza in sé. In una giornata di sole, per esempio, si può godere di un gelato stile retro mentre si guardano gli annunci della TV risalenti dal 1955 al 1985.


Geffrye Museum

Ultimo ma non meno importante, il Geffrye Museum (foto dell’articolo) è una tranquilla oasi in mezzo ai caffè alla moda di Hoxton. Un viaggio in una capsula del tempo per camere d’epoca e giardini che riflettono il modo in cui le case di Londra sono cambiate negli ultimi 400 anni, insieme con il gusto, il comportamento sociale e il mondo nel suo complesso. Da un salone del 1695 ad un loft del 1998, questo museo gratuito è una lezione di stile che rilassa ed ispira, la ciliegina sulla torta è la caffetteria luminosa ed elegante con vista sui giardini d’epoca, dove si può discutere dei cambiamenti delle epoche in compagnia di un tea pomeridiano o di un buon bicchiere di vino.

Related Posts