Il Fior-Artista dell’Adlon

Il suo atelier di fiori è nascosto dietro le quinte ed è noto soltanto al personale dell’hotel. Nel momento in cui si entra nel rifugio nascosto di Mario Weidner, un mare colorato di fiori e profumi inghiottirà il visitatore. All’interno di questo rifugio, le rose più belle, gigli, ortensie ed altre innumerevoli bellezze floreali, sono in attesa di essere artisticamente disposti in mazzi sensazionali, arrangiamenti sontuosi ed eleganti decorazioni da tavola per i quali l’Adlon è così ben conosciuto da tutti. Mario è un grande amante dei fiori e della sua professione, con discrezione mostra la sua conoscenza nel campo che è impressionante; nella sua mente ha memorizzato tutte le preferenze floreali di politici influenti, reali e star del cinema internazionale! Mentre i portieri sono noti per avere un sacco di aneddoti interessanti da raccontare, Mario ha il suo repertorio floreale da mostrare. Ad esempio, Mario racconta la storia di un ospite che aveva fatto decorare la suite della madre con ben 1.000 rose bianche per sorprenderla per il giorno del suo compleanno. Una principessa di una famiglia reale europea si è rivolta personalmente a Mario in quanto voleva conoscere il tipo di rose, che l’avevano ipnotizzata, che erano state usate per decorare la sua suite (erano “Avalanche Pearls” , una specie molto rara). Dal 2001, Mario è responsabile di tutte le composizioni floreali in hotel e in tutti questi anni ha utilizzato 1,5 milioni di rose. Per capire meglio il valore del suo lavoro, se volessimo piantare tutte le rose usate da Mario, ci vorrebbe un giardino di circa 300.000 mq, pari a circa 17 campi da calcio, tutti pieni di rose!

Related Posts