Varanasi

Varanasi: perché no?!?

Si dice che se tu muori a Varanasi, raggiungerai la salvezza, non importa di come hai vissuto la tua vita terrena. Questa terra santa è considerata una delle più sacre del mondo e viene considerata come una delle sette città sacre dell’Induismo. È visitata regolarmente da pellegrini religiosi, anno dopo anno, dove lavarsi dai peccati nelle acque sacre del fiume Gange o cremare i loro cari. Situato nello stato sud-orientale dell’Uttar Pradesh nell’India settentrionale, è anche una delle città più antiche del mondo che è stata continuamente abitata. A volte chiamata Kashi (Città della Luce), la destinazione ha più di 3.000 anni e i suoi primi coloni erano Ariani. Dal 2° millennio A.C., Varanasi è diventata nota per i suoi tessuti seta, sculture, profumi e opere d’avorio. Anche se la sua industria commerciale è in espansione, le sue radici spirituali continuano ad attirare i turisti, circa un milione di pellegrini ogni anno.

Per tutto il corso del fiume Varanasi si trovano quattro miglia di ghat (scalini) che fiancheggiano l’acqua e vengono utilizzati per bagni religiosi, mentre i templi ed i sacrari, circa 2.000, rendono omaggio agli dei indù. Per andare in giro per le sue strade interne, i viaggiatori devono farlo a piedi in quanto i viali sono stretti, avvolgenti ed impraticabili per i veicoli a motore. Se state pensando ad un simile pellegrinaggio o siete un viaggiatore avido che cerca di visitare luoghi unici, ecco una guida veloce per visitare questa città santa:

Informazioni Essenziali:

Il periodo migliore per visitare Varanasi è da febbraio ad aprile, quando le temperature variano tra i 26° ed i 37° C o da settembre ad ottobre, che offrono temperature simili. Il modo più semplice per arrivare a Varanasi è in aereo da Delhi, un volo di 75 minuti. L’aeroporto dista 22 km dalla zona Cantonment, dove troverete la maggior parte degli hotel di catena. Da lì a circa 20 minuti di auto si raggiunge il lungomare. In città, il trasporto principale sarà a piedi.

Dove Soggiornare:

Per quanto riguarda gli hotel, il Taj Gateway Hotel Ganges (foto sopra) ed  il Palace on Ganges sono un paio delle nostre scelte consigliate. Il Taj è una scelta semplice perché è un marchio di fiducia ed offre camere spaziose, alcune di fronte all’adiacente Palazzo Nadesar. Ogni mattina gli ospiti vengono trattati con sessioni di yoga gratuite ed i mats sono inclusi in ogni camera. Anche se la proprietà è sul lato più tranquillo della città, la l’hotel tende ad essere occupato con gruppetti in tour, qualcosa da tenere a mente. Per qualcosa di più autentico, il Palace on Ganges si trova all’interno del secolare Assi Ghat. Le camere sono tematiche sugli stati indiani; Assam presenta un sacco di bambù mentre Gujarat offre arredi dai colori vivaci e vetro.

Cosa Fare & Vedere:

Il tempio di Kashi Vishwanath (foto sopra dell’articolo), dedicato a Lord Shiva, è uno dei più famosi santuari indù. Situato sulla riva occidentale del fiume, il tempio è una delle 12 Jyotirlinga, il più santo dei santuari di Shiva. È un simbolo di pace ed armonia tra gli uomini, un ricordo dei legami della fraternità universale. Assicuratevi di controllare i giorni e gli orari in cui è consentito l’accesso al pubblico.

Andando andiamo si arriva a Gyan Kupor Ben vicino al tempio. Si ritiene che coloro che bevono la sua acqua potranno raggiungere un piano spirituale più elevato. Oggi però è vietato farlo per i visitatori ed un forte schermo di sicurezza è posto intorno ad esso. Per immergervi nella storia della città, visitate il Ramnagar Fort & Museum (foto sopra) che è un palazzo fortezza del XVII secolo sulla riva orientale del Gange. All’interno del museo, chiamato Saraswati Bhawan, troverete le auto d’epoca americane, una vasta selezione di armi antiche, costumi medievali, selle di elefanti in argento ed un raro orologio astrologico. L’orologio è stato realizzato nel 1852 dall’astronomo di Corte del Palazzo Reale di Varanasi. Non solo mostra il tempo ma anche l’anno, il mese, la settimana ed il giorno; Ed i dettagli astronomici del sole, della luna e di altri pianeti.

Durante tutto l’anno, la città è piena di numerosi festival artistici e religiosi. Ogni marzo, il festival delle cinque giornate di dhrupad si svolge attirando artisti provenienti da tutta l’India. Nel mese di novembre o dicembre, il Ganga Festival è dedicato alla dea del fiume Gange e la gente del posto invia migliaia di lampade lungo il fiume durante la festa. Commemorando la riunione di Lord Rama con il suo fratello minore Bharat, il Festival di Bharat Milap si svolge in ottobre o novembre. Ogni anno, migliaia si riuniscono nelle strade per vedere la processione di Lord Ram e di suo fratello che fu in esilio per 14 anni. La gente paga il loro rispetto mettendo Tilak sulle loro fronti e mettendo le ghirlande sugli idoli di Lord Rama.

Poiché la città è conosciuta per la tessitura di seta, visitate la fabbrica di seta di Mehrotra per verificare alcune sciarpe di seta, pashmine, saris o set di breadspread. Il tutto è nascosto in un piccolo vicolo vicino alla stazione ferroviaria principale, quindi assicuratevi di avere le indicazioni giuste tramite la gente del posto così da non perdervi. Nelle vicinanze c’è anche lo Shapuri Mall che offre numerosi marchi internazionali, ristoranti e centri di intrattenimento.

Sotto il video di Nadir Khan che descrive il suo film “un saggio visivo della città”. Buona visione!
_

Related Posts