Home Hotel

  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel
  • Home Hotel

Home Hotel è quella rara combinazione di design che non potrebbe essere più fresco, un personale che non potrebbe essere più caldo, il tutto in un legame diverso rispetto a tutti gli altri boutique hotel del quartiere  Palermo. Home Hotel Buenos Aires può essere piccolo ed intimo, ma offre alcune chicche di grande qualità come una Spa che offre trattamenti ayurvedici con prodotti biologici, un ristorante e un bar che propongono la colazione, il pranzo e tapas con una selezione di vini scelti con cura, cocktail firmati ed un’ampia gamma di vodka. Il bar si affaccia sul giardino di 300 mq con piscina riscaldata ed area coperta dove prendere il sole. Home è un hotel in cui è possibile scappare dalla città senza doverla mai lasciare.

Home Hotel Buenos Aires è il frutto delle idee del produttore britannico Tom Rixton e della direttrice argentina Patricia O’Shea. L’idea è avvenuta quando si sono sposati nel dicembre 2002, ed avevano prenotato diversi hotel per tutti i loro amici e parenti provenienti dall’Europa per il loro matrimonio. Presto si resero conto che c’era una mancanza di opzioni di alloggio che avrebbero soddisfatto le sensibilità estetiche e le aspettative dei loro ospiti non solo a Palermo, la loro zona preferita, ma a Buenos Aires nel suo complesso.

Avendo vissuto in Irlanda per quasi 16 anni, Patricia aveva delle difficoltà a trovare una casa adatta a Buenos Aires, per cui entrambi hanno deciso di creare “Home”. La posizione giusta è stata trovata a Palermo Hollywood, ed i lavori sono iniziati a partire da marzo 2003. Home Hotel Buenos Aires è stato inaugurato nel dicembre 2005. Gli architetti argentini Rodrigo Cunill e Juana Grichener hanno lavorato a stretto contatto con i proprietari Tom e Patricia per realizzare la loro visione. Il brief è stato quello di costruire un edificio intimo ed elegante che deve funzionare come un hotel ma che deve “pensare fuori dalla scatola”. Le parole chiave erano ariose, leggere, con gioco su spazi interni ed esterni. Il risultato è un hotel di 20 camere ingannevolmente piccolo dall’esterno con spazi interconnessi che conducono nel suo giardino lussureggiante. Ogni spazio utilizza vetrate per sfruttare al meglio la splendida luce naturale del sole di Buenos Aires. I proprietari avevano una visione molto chiara del design degli interni utilizzando materiali come il cemento, il legno ed il vetro abbinati a flessibili fiori di colore in forma di carta da parati d’epoca originale, che vanno dall’originale William Morris 1989 a carte del 1970.

Le caratteristiche del design includono una parete di 20 mt in legno di pinotè d’epoca recuperata che va dalla reception al bar ed un pezzo Inca ispirato di 5 metri dell’artista argentino Alejandro O’Shea. L’arredamento è costituito da un mix di vecchio e nuovo. Alcuni pezzi, come i letti, sono stati progettati e realizzati su misura utilizzando legno naturale di watambu, altri, come le sedie degli anni ’50 e divani nella lobby sono stati acquistati in mercati delle pulci e negozi di antiquariato e restaurati con cura. I classici del XX secolo come le sedie ed i tavoli del tulipano di Saarinen, le poltrone Robin Day del bar e le sedie pastilla di Eero Aarnio nel giardino aggiungono un tocco retrò.

Home Hotel dispone di 3 camere standard, 3 standard plus, 8 superior, 4 suite e 2 loft. Sono tutti fresche ed ariose con grandi finestre che si affacciano sul giardino, sulla strada alberata o sul patio zen interno. I bagni sono dotati di grandi dispersori in cemento lucido, con accessori personalizzati su misura, prodotti naturali, oltre a vasche o docce. Offrendo tutti i trattamenti tipici di un grande hotel, ecco il minibar completamente fornito, TV LCD, stereo in tutte le camere, connessione internet wi-fi, servizio in camera 24 ore su 24, aria condizionata regolabile autonomamente e riscaldamento centralizzato. Come aggiunte di comodità lenzuola in cotone, materassi in cotone, coperte in lana di lama, tappeti cileni in lana, accappatoi morbidi ed altri dettagli lussuosi molto più semplici.

Ci sono 4 suite, la Front Suite, la Back Suite, la Garden Suite e la Suite Poolside. Tutte dispongono di docce e vasche idromassaggio. Le terrazze in tutte le suite sono perfette per un cocktail pre-dinner sotto le stelle. Nel 2008 Home Hotel ha introdotto la Suite Poolside, una stanza da 72 mq con tanto di carta da parati francese originale dipinta a mano del 1926 e la scrivania originale di George Nelson, un divano Florence Knoll, 2 TV LCD e un impianto audio. Le finestre a soffitto da 3x6mt sono dotate di tende telecomandate e di black out che possono essere azionate dal comfort del letto king size. La terrazza privata si affaccia sulla piscina dell’hotel e sul giardino rigoglioso, e ha come parte centrale un caminetto a legna per godersi lo spazio all’aperto anche nelle serate più fredde.

Ultimi ma non meno importanti i 2 loft, meglio descritti come “il meglio di entrambi i mondi, l’indipendenza di un appartamento con tutti i servizi di un hotel”, “The Loft” e il suo ultimo fratello “The Other Loft” sono 2 appartamenti adiacenti all’hotel, dotati di cucina e parrilla (barbecue argentino) con accesso a tutti i servizi e le comodità dell’hotel. Entrambi i loft sono opzioni ideali per soggiorni più lunghi e più lungo è il soggiorno meno si paga.

Con pareti in vetro dal pavimento al soffitto, il resto-bar di Home Hotel si affaccia sul lussureggiante giardino. Il bancone del bar lucido da 8 metri taglia attraverso il vetro che continua nella zona bar esterna. Questo è il cuore sociale di Home, dove godere di una colazione gustosa ed ariosa, gustare tapas a pranzo o sera o dove riposarsi con un cocktail firmato. Un vasto assortimento di vini consente di assaggiare una serie delle uve più buone d’Argentina. Il bar vanta anche la migliore collezione di vodka premium nelle pampas, servita direttamente dal proprio congelatore a parete dove sono conservati ad un ottimo -10ºC. Recentemente è stato scelto come Top Ten Hotel Bars dall’International Bartenders association. Un riconoscimento che mette questo bar accanto a giganti famosi come il Savoy Bar di Londra tra gli altri.

La Home Spa offre una gamma di trattamenti dove coccolarsi e godersi del benessere ed un po’ di meritata indulgenza. Ricaricate le batterie, superare il jet-lag o rilassatevi dopo una lunga giornata, il menu dei trattamento offre una selezione di massaggi, trattamenti per il viso ed il corpo, il tutto offerto da mani esperte. Per prendersi cura della pelle stanca, Home Spa offre splendidi trattamenti per il viso con la linea di cura della pelle Osea, disponibile esclusivamente presso l’Home Hotel.

Progettato dall’artista del paesaggio Chunchuna Villafaňe (è anche un’attrice conosciuta per il suo ruolo nel film vincitore dell’Oscar La Historia Oficial), il giardino di 300 mq sorprende il visitatore. Uno spazio segreto lontano dal trambusto della città, il giardino dell’hotel è come un’oasi urbana. I suoi due alberi naturali “palo borrachos”, alberi da frutto, piante native e fiori, lo rendono un rifugio verde privato nel cuore della grande città.

Da un lato la piscina invita a rinfrescarsi dopo una frenetica giornata di visite turistiche o prima di immergersi nella nota vita notturna di Buenos Aires. A bordo piscina, dove il sole splende dalla mattina alla sera, le sedie a sdraio sono perfette per abbronzarsi o per sorseggiare il tuo cocktail in dolce relax. In conclusione questo boutique hotel è stato progettato per farvi sentire come se foste a casa o almeno l’ospite di qualcuno con un gusto squisito.

Location

Home Hotel si trova a Palermo Hollywood (Buenos Aires), soprannominato così dopo che numerose società cinematografiche, televisive e pubblicitarie ne hanno fatto la loro base per via degli affitti economici. È ad ovest delle piste del treno parallelo con Avenida Juan B Justo. Si trova a pochi passi da quello che si conosce come Palermo Viejo e Palermo Soho, dove c’è la più alta concentrazione di boutique, eleganti ristoranti, bar e club, ma rimane leggermente più autentico. Palermo Hollywood conserva il suo fascino di quartiere che combina l’avanguardia, la tradizione con il nuovo design, il commercio con la cultura, una fusion perfetta che ha fatto si che il quartiere è stato scelto per il set cool della capitale. L’area è diventata l’hub gastronomico della città in quanto vanta 4 dei 9 ristoranti argentini inclusi nei S. Pellegrino´s Latin America´s Best 50 Restaurants 2015.

Contatti

Honduras 5860
C1414BNJ Buenos Aires
(Argentina) 
reservations@homebuenosaires.com | homebuenosaires.com

Da non perdere

Hotel & Area

– Home pubblica una guida personalizzata che ogni ospite riceve al momento del check-in. Questo grazioso libro tascabile contiene consigli su ristoranti, negozi e gemme nascoste nonché i più nuovi cocktail bar, tutti assolutamente provati e testati dai proprietari di Home Hotel. Una sorta di guida per la città.

– La musica di Home fa parte della collezione privata del proprietario che conta più di 5000 vinili.

– Lasciatevi andare ad un Deep Tissue Massage presso la Spa. Chiedere di Luis o Maria. Fidatevi di noi.

– Il Mercado de Las Pulgas (Mercato delle pulci). Il più grande mercato interno d’antiquariato in città è vicino a Home e vi sorprenderà per via degli oggetti presenti da quelli ridicoli a quelli sublime. No, non avrete spazio sufficiente nel vostro bagaglio per quella lampada unica del 1950.

– Tegui – il miglior ristorante in Argentina è a soli 2 isolati da Home. Votato tra i primi dieci migliori ristoranti latinoamericani (San Pellegrino) per 5 anni di seguito (e salendo di posizione in posizione ogni anno), questa è un’esperienza gastronomica che non si può perdere quando si visita la città.

Rapporto qualità/prezzo

Camera doppia da US$130 in bassa stagione; e da US$150 in alta stagione. Colazione inclusa e Wi. Fi. gratuito.

Accesso per ospiti con disabilità?

Una camera è adattata ed i luoghi comuni sono accessibili ai disabili.

Adatto alle famiglie?

I bambini sono i benvenuti; baby sitter e culle sono disponibili su richiesta ed i loft sono l’ideale per le famiglie.

Green Hotel

Home è stato il primo hotel a Buenos Aires ad incorporare un lato verde in quanto si impegna a gestire l’hotel minimizzando l’impatto sul proprio ambiente e aderendo alla responsabilità sociale. L’efficienza energetica, riducendo al minimo i rifiuti ed usando risorse rinnovabili (bottiglie, contenitori di plastica), lavorando con cooperative di riciclaggio ed in collaborazione con le NPO locali. Membri della rete del turismo responsabile, Home è il primo hotel a Buenos Aires ad aver ricevuto il marchio Eco, un nuovo benchmark ecologico conferito dal Governo Municipale di Buenos Aires.

Quando andare?

Le stagioni in Argentina sono il contrario di quelle dell’emisfero settentrionale. Il tempo a Buenos Aires è ideale in autunno (marzo-maggio) e primavera (settembre-novembre). Le migliori offerte di viaggio sono tra aprile e giugno. Il periodo più bello da visitare, però, è tra ottobre e novembre quando gli alberi jacaranda sono in fiore. L’Alta stagione è il periodo da dicembre a febbraio; La bassa stagione è da giugno ad agosto. Nel mese di luglio ed agosto, c’è un leggero aumento del turismo a causa dell’estate nordamericana e della stagione sciistica sudamericana (i turisti si fermano a Buenos Aires prima di andare in località sciistiche vicine come Bariloche). Nel mese di dicembre, il tempo è piacevole per la maggior parte dei giorni. Tuttavia, non troverete le decorazioni ed i rituali di Natale, nonostante il fatto che la popolazione della città è in gran parte cattolica. Nel mese di gennaio e febbraio, gran parte della città viene abbandonata dai locali che si affollano nelle località balneari di Mar del Plata o in Uruguay. Gennaio è un tempo in cui molti viaggiatori visitano la città, con conseguenti hotel prenotati in overbooking, ma molti ristoranti e musei hanno ore limitate in questo periodo di tempo e spesso chiudono interamente dal 1° al 15 gennaio. Chiamate in anticipo per assicurarvi che i luoghi d’interesse siano aperti. Ad eccezione di una piccola zona tropicale nel nord dell’Argentina, il paese si trova nella zona temperata, caratterizzata da un fresco tempo a sud e da un’aria più calda e umida al centro. Buenos Aires da gennaio a febbraio può essere terribilmente calda e umida mentre l’inverno (circa giugno-agosto) può essere nuvoloso, freddo e piovoso, anche se di solito non troverete neve. Come nel resto del mondo, il riscaldamento globale sta spostando queste tendenze e talvolta si verificano onde di caldo o di freddo estremo.

Le nostre Speciali Letture

Cinque stop che meritano di essere fatte a Buenos Aires

Jorge Mario Bergoglio è stato preso dal suo posto come Arcivescovo di Buenos Aires e trasportato in Città del Vaticano ed “installato” come papa Francesco, il primo Papa proveniente dall’America Latina, una delle regioni più devote al mondo. L’appuntamento ha richiamato l’attenzione internazionale sull’Argentina e la sua capitale, con sempre più persone curiose di volere sapere di più sulla grande città natale del Papa. La città in cui è nato e cresciuto Bergoglio e dove ha servito, ospita spettacolari siti religiosi che vale la pena visitare, non importa la religione che si professa. Sia per un pomeriggio dedicato all’architettura, sia per una visita autosufficiente e spirituale della città natale del Papa, qui ci sono cinque stop che meritano di essere fatti.

Cimitero della Recoleta

Il luogo di riposo finale dell’elite argentina ed eminente come Eva Perón e dei presidenti passati, questo cimitero urbano è uno dei siti turistici più importanti di Buenos Aires e con buona ragione. Mausolei scolpiti sul granito e sul marmo, ognuna apparentemente più ornata di un’altra, allineano i lunghi corridoi. All’interno delle pareti del cimitero ci sono più di 6.400 tombe e mausolei, e 70 sono stati designati monumenti storici. Sebbene sia una delle più importanti testimonianze religiose di Buenos Aires e dell’Argentina, la Chiesa cattolica ha revocato tecnicamente la sua benedizione  quando un ex presidente ha ordinato un suicidio per essere interrotto sul terreno nel 1863.

Catedral Metropolitana

Da un lato della piazza più significativa di Buenos Aires, Plaza de Mayo, ecco la Cattedrale Metropolitana del XIX secolo, riconoscibile per la sua facciata neoclassica bianca. Fu qui nella casa cattolica dell’Argentina che Bergoglio tenne la messa in carica di Arcivescovo. La chiesa è stata ricostruita più volte da quando fu eretta nel XVI secolo, e l’edificio attuale rappresenta un mix di stili architettonici. All’interno un mausoleo in marmo coperto da una fiamma eterna, che conserva i resti del liberatore generale dell’Argentina José de San Martín.

Continua a Leggere


Speciale City Guide: Buenos Aires

Buenos Aires è la capitale dell’Argentina, sulla costa orientale dell’America del Sud, dove il Río de la Plata incontra l’Oceano Atlantico. La sua architettura neoclassica, la cultura del caffè e l’atmosfera internazionale danno alla città un’atmosfera straordinariamente europea, conquistando il soprannome di “la Parigi del Sud America”. Ma Buenos Aires è anche decisamente argentina, con i suoi salotti di tango, boutique di abbigliamento creativo ed un focus culinario sulle botteghe locali come della carne bovina delle Pampas. Se siete alla ricerca di fashion designer, di una squisita cucina o di una vita notturna che non si ferma, questa vivace metropoli non vi deluderà di certo.

Passeggiate sui parchi di viola fioriti di Palermo; godete dell’arte latino-americana ed europea nei musei che fiancheggiano Avenida del Libertador; e meravigliatevi dei grandi palazzi in bronzo che si affacciano su Avenida 9 de Julio, il più ampio boulevard del mondo ed Avenida de Mayo, la risposta di Buenos Aires agli Champs Elysées di Parigi. Porteños, come gli abitanti di Buenos Aires si chiamano, amano stare fuori e la città vanta innumerevoli attività all’aria aperta, nei parchi, nei mercati all’aperto e nei viali dei caffè.

La bellezza di Buenos Aires è evidente nel momento in cui si mette piede sulle sue strade. I siti storici più imponenti della città circondano Plaza de Mayo, anche se certamente scoprirete la storia argentina in altri quartieri, come La Boca e San Telmo. Assicuratevi di non mancare una passeggiata a Puerto Madero e la Riserva Ecologica adiacente o un pomeriggio tra le piazzette e i caffè di Recoleta o di Palermo. I bar dei marciapiedi offrono un sollievo per i piedi stanchi e ci sono buoni trasporti pubblici per portarvi da un quartiere ad un altro.

Continua a Leggere

Richiedi una quotazione per questo hotel

Ricevi le tariffe migliori direttamente dall’Home Hotel

  • M
  • T
  • W
  • T
  • F
  • S
  • S
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
loading...
yes
1543622400
1
2
en
1
1
8
8
multiple
no
0
0
no
no
side

Other Hotels