Donna Coraly

  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly
  • Donna Coraly

  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
loading...
yes
1517443200
1
1
it
1
1
1
1
multiple
no
0
0
no
no
below

Donna Coraly ha le qualità che fanno si che un soggiorno qui diventi una delle esperienze più memorabili della vita. Questa villa aristocratica non è solo un’oasi di pace, bellezza ed autenticità, ma è anche un rivelarsi dell’importanza della Sicilia all’interno della storia della penisola italiana. Infatti ha un più di 600 anni di vita e qui il 3 settembre 1943, il governo italiano firmò il segreto armistizio incondizionato di Cassibile con gli Alleati.

Donna Coraly è nascosto tra aranceti, non troppo lontano dall’affascinante città di Siracusa. Qui potete sentire il piacevole profumo dei fiori d’arancio che spuntano nel giardino privato e godervi l’aria di mare che arriva in lontananza. Il resort è situato in una vecchia fattoria aristocratica con un fossato ed una torre di guardia e ha uno standard favoloso di servizio. L’hotel è di proprietà di Lucia Pascarelli, progettista e proprietaria, che dopo anni a Londra è tornata in Sicilia per aprire questa proprietà intima, chiamata così in onore della sua amata nonna.

Donna Coraly offre cinque suite, tutte spaziose ed arredate con gusto e con eleganti mobili antichi risalenti al 19° secolo. Molti dei dettagli che impreziosiscono l’hotel sono parte del patrimonio della famiglia di Lucia da generazioni. Le suite luminose ed accoglienti fanno sentire subito a casa. Il mix di passato e presente vi attirerà all’interno di questo meraviglioso incantesimo. Ogni suite dispone di una cabina armadio, pavimenti realizzati con piastrelle in maioliche, mobili del 19° secolo e pezzi d’arte moderna. Ospitalità, comfort e qualità sono portati ad un livello superiore, questo è ciò che distingue tutte le suite e l’intera proprietà. Le suite si distinguono per bellissimi tappeti e tessere di mosaico dipinti a mano che aprono la strada alle finestre alla francese che si aprono verso il giardino privato. Da non dimenticare l’aggiunta di un tocco di carattere, ogni suite ha una Testa di Moro tipicamente siciliana, (ceramiche di Caltagirone), famose sull’isola per via della tragica storia d’amore da cui questi vasi insoliti derivano.

C’è un ottimo ristorante in loco. Lo chef del Donna Coraly si rivolge a tutti i buongustai che desiderano gustare i prodotti a km zero dell’orto della tenuta. I prodotti di stagione vengono raccolti ogni giorno e serviti per la prima colazione, pranzo e cena; gli ospiti sono i benvenuti ed invitati a visitare l’azienda agricola, che si trova al di là dei giardini con rose e gelsomini. Ogni pasto è naturalmente condito con olio di oliva fatto in casa e vini, che oltre a quelli sulla lista dei vini, alcuni sono fatti proprio a livello locale. È assolutamente possibile godere di tutte le meraviglie di questa parte della Sicilia. Gli ospiti possono altresì cenare romanticamente sotto le stelle siciliane.

Questo hotel nelle campagne di Siracusa offre tutti i tipi di servizi. Un giardino mediterraneo circonda la proprietà, il mare è a portata di mano con la sua torre di guardia, un laghetto bioorganico che funge da piscina ed una grande veranda. Ultimo ma non meno importante, c’è anche un centro benessere. Quest’ultima è un’oasi di benessere con un terapista in casa che offre massaggi su richiesta ed altri trattamenti, tutti concentrati a far rilassare e far rigenerare. Uno di questi è la piscina termale benefica che contiene il “sali della vita”, sali minerali micro essenziali, che lasciano la pelle splendidamente idratata. Dopo un tuffo in queste acque per far rivivere la pelle, accomodatevi in una delle sdraio all’esterno sotto il sole oppure trovate riparo dai raggi sotto fresco gazebo a baldacchino.

Donna Coraly è una base ideale per esplorare la Sicilia orientale. Infatti, nonostante l’atmosfera idilliaca e la tranquillità assoluta, si possono fare diverse escursioni: vicino a Donna Coraly ci sono diverse belle spiagge (come il Plemmirio o Vendicari, entrambe sono riserve naturali), dove si può trascorrere una piacevole giornata al mare. Inoltre i tesori barocchi della Val di Noto si possono ammirare in quanto siti a breve distanza, luoghi tutti protetti dall’UNESCO. Vicino c’è ovviamente Siracusa e la bella isola di Ortigia, ricca di storia ed affascinante atmosfera. Inoltre si è a meno di 1 ora di auto dalla chic Taormina ed oltre il golf, l’equitazione ed il ciclismo, è possibile scoprire le Gole Alcantara e vedere il Monte Etna. Tuttavia, con un soggiorno al Donna Coraly, la Sicilia sarà tutta vostra.

Suite Carmela

Il nome di questa Suite è tratta dalla ‘Madonna del Carmelo’, (il 16 luglio ci sono processioni e celebrazioni in varie parti della Sicilia). Carmela in ebraico significa “giardino, frutteto o anche giardino di Dio” e nasce dalla devozione alla Sacra Madonna del Monte Carmelo in Palestina, dove la Madonna è apparsa ad un monaco nel 1251 ed ha salvato la popolazione dalla siccità con un miracolo. Carmela è un nome molto amato in Sicilia, un omaggio alla femminilità tradizionale, nella sua forma più pura, senza distinzione di età o classe. La Suite Carmela è una Superior Suite composta da 2 camere. Una grande camera da letto con letto king-size ed un divano letto matrimoniale, cabina armadio ed ampio bagno con doccia. La suite si apre su un giardino privato arredato con tavolo, sedie ed ombrellone.

Suite Costanza

Il nome di questa Suite è tratto da Costanza d’Altavilla, Regina ed Imperatrice di Sicilia durante il Medioevo. Costanza, figlia del primo re di Sicilia, Ruggero II, è nata a Palermo nel 1154 ed è stata incoronata nel 1191 con il marito Enrico VI di Svezia, figlio di Federico Barbarossa. Costanza era rinomata per la sua intelligenza ed i suoi valori morali che dimostravano l’ambizione e l’autorità. La Suite Costanza è una suite superior composta da 1 camera con un letto king size, cabina armadio separata ed ampio bagno con doccia. La suite si apre su un giardino privato arredato con tavolo, sedie ed ombrellone.

Suite Angelica

Questa suite è dedicata alla famosa eroina del romanzo ‘Il Gattopardo’, scritto da Giuseppe Tomasi da Lampedusa. Si svolge in Sicilia nei giorni prima dell’unificazione d’Italia ed è interpretato, sul grande schermo, nel film diretto da Luchino Visconti, da una giovane Claudia Cardinale. Il carattere di Angelica rappresenta la forza della volontà femminile. Angelica è riuscita con grande determinazione ed con il suo fascino a superare le barriere sociali del suo tempo. La Suite Angelica è una Superior Suite composta da 1 camera matrimoniale con letto a baldacchino, un divano letto matrimoniale, una cabina armadio separata ed un bagno con doccia. La suite si apre su un giardino privato arredato con tavolo, sedie ed ombrellone.

Suite Rosalia

Il nome di questa Suite è tratto da Santa Rosalia, una nobildonna siciliana nata nel 1130 alla corte di re Guglielmo I, noto anche come ‘The Bad’. Secondo la tradizione era dama di compagnia della regina Margherita e fu promessa in sposa all’età di 15 al conte Baldovino. La giovane Rosalia guidata da una profonda vocazione alla preghiera e la chiesa, rifiutò il matrimonio. Un carattere forte e coraggioso, che ha scelto di vivere da eremita, cercando rifugio in una grotta, che è diventata un luogo di pellegrinaggio. Vari miracoli le sono stati attribuiti e lei è stata proclamata santa nel 1624, dopo aver salvato Palermo dalla peste e diventando la sua santa patrona. La Suite Rosalia è una Mini Suite, composto da 1 camera da letto con un letto queen size matrimoniale, cabina armadio e bagno con doccia. Si apre su un giardino privato arredato con tavolo, sedie ed ombrellone.

Suite Maruzza

Il nome di questa Suite è tratto dal famoso romanzo romantico ‘I Malavoglia’, scritto dallo scrittore siciliano Giovanni Verga e pubblicato nel 1881. Il personaggio femminile ‘Maruzza’, raffigura la donna siciliana di quei tempi, una donna del popolo che accetta con dignità silenziosa ed il duro lavoro, le fatiche accumulate dalla sua famiglia. Rimanendo sempre fedele al suo ruolo di moglie e madre, mostrando una forza ammirevole nel suo ruolo di donna di casa. La Suite Maruzza è una Mini Suite, composto da 1 camera da letto con un letto queen size matrimoniale, cabina armadio e bagno con doccia. Si apre su un giardino privato arredato con tavolo, sedie ed ombrellone.

Oasi Wellness

Un ambiente creato per offrire innovativi trattamenti viso e corpo usando prodotti naturali che garantiscono risultati ottimali e benessere. Massaggi e tecniche di rilassamento provenienti da tutto il mondo e trattamenti di bellezza di alta qualità sono offerti per creare un rifugio indimenticabile e rilassante. In offerta, il My Private SPAce, due ore di totale rilassamento fisico e mentale su misura per ogni vostra esigenza. Donna Coraly è in grado di offrire programmi su misura, che conciliano trattamenti, ginnastica/Yoga e diete equilibrate nutrizionalmente, utilizzando solo prodotti biologici di provenienza locale. Ogni programma è pensato per godere delle bellezze della natura e dell’aria aperta del bel parco. E’ altresì possibile incorporare al programma un percorso di dieta biologica e di disintossicazione.

Bio-Laghetto

La posizione perfetta per prendere il sole, rilassarsi sui lettini, cocktail in mano, prima di entrare in acqua. La Bio-Piscina dotata della tecnologia innovativa Biodesign, fornisce una struttura costruita in loco con pietre naturali schiacciate e combinate con materiali altamente tecnologici, in piena conformità con il paesaggio circostante.

Giardino Botanico

Molte piante tropicali come palme e cactus convivono con alberi da frutto, ulivi, alberi di agrumi e piante ornamentali, come Jacarande e Phanera Purpurea, (nome comune dell’orchidea), mescolati con pergolati e fiori di gelsomino, che spande delicatamente il suo profumo nell’aria. Tra le piante più interessanti e rare ecco ‘La mano di Buddha’ ed ‘Il caviale degli agrumi’, che sono armoniosamente piantati nei pressi della tipica siciliana Quince senza dimenticare del Mango, dell’Avocado, dei corbezzoli e dei melograni. Al centro del parco c’è un vecchio albero di carruba, albero simbolo del Mediterraneo e in particolare del sud-est della Sicilia. Il giardino vi condurrà in un percorso tra agrumi e alberi da frutto, che fornisce molte delle frutta fresca, insalate ed erbe usate in cucina.

News

La storia del Donna Coraly:

Una famiglia nobile, una tenuta storica che risale a generazioni. Storie di donne cosmopolite, vere protagonisti del loro tempo. Le signore nobili del passato hanno ispirato l’attuale proprietaria nella  visione e ricreazione di un’ospitalità a lungo dimenticata. Un’ospitalità di altissimo livello. La tenuta di San Michele appartiene alla famiglia Grande da secoli. Donna Coraly prende il nome dalla nobildonna del passato, un protagonista della vita sociale del 20° secolo. Coraly Grande Sinatra, una nobildonna innamorata delle arti, viaggiatrice e grande sostenitrice dei diritti delle donne. A Donna Coraly, nonna dell’attuale proprietaria, è stato dato il giusto tributo dando il suo nome a questo resort unico. E’ con questo in mente che la nipote, Lucia Pascarelli si è ispirata per ricreare l’atmosfera, lo stile e la bellezza dei tempi passati. La sua personalità hanno ispirato una vera e propria oasi di tranquillità e relax. Tradizione e raffinato buon gusto. Le abitudini che nascono dal passato, vivono oggi al Donna Coraly Resort.

Un posto che ha cambiato la storia:

Il Donna Coraly Resort è abbracciato alla storia incantevole della Sicilia e fa eco ai suoni di grandi imprese. E’ stato proprio qui, all’interno del vigneto Vignazze che è stato firmato l’armistizio di Cassibile il 3 settembre 1943. Alla presenza di Dwight Eisenhower, l’inglese Commodore Dick e il capitano Dean, i generali Castellano e Bedell Smith hanno firmato il documento che sanciva la fine della ostilità tra gli italiani e gli anglo americani. Reso pubblico solo 5 giorni dopo, (l’8 settembre).

Quando andare:

Il periodo migliore per visitare Siracusa è da maggio a giugno o da settembre ad ottobre. Questi mesi di tarda primavera ed inizio autunno garantiscono temperature ottimali intorno ai 22° C, che sono l’ideale per mirare tempi, rilassarsi in spiaggia o godersi escursioni. Come tali, questi sono i mesi più popolari, così come i più costosi. Se si pianifica una vacanza a luglio od agosto, ricordate che troverete meno folla ma altresì meno attività aperte e temperature elevate che possono raggiungere quasi i 37° C. L’inverno vede temperature sotto i 10 gradi ma si possono trovare tariffe alberghiere notevolmente ridotte, ma godersi il mare è da escludere.

Ristorante

Il ristorante si affaccia sui giardini del cortile; in estate viene aperto per far entrare la luce del sole, la brezza ed il profumo floreale inebriante. Nei mesi più freddi, una stufa mantiene gli ospiti comodi ed al calduccio. Gli acri di terreno fertile dell’hotel sono ben curati e sono abbondantemente fecondi da permettere allo chef di utilizzare prodotti a km zero nei suoi menu. I piatti cambiano ogni giorno, a seconda di ciò che è stato raccolto la mattina: viene proposta una tipica cucina siciliana, con piatti come la pasta alla Norma (con melanzane, pomodoro e ricotta salata), il pesce spada dello Ionio con Gamberoni e dolci agli agrumi. C’è una sala per la colazione riccamente piastrellata sita nell’edificio principale, ma è in uso solo quando il tempo è particolarmente freddo. La carta dei vini presenta etichette dalla Sicilia. Dalla colazione alla cena, passando per un drink al tramonto offerto dalla proprietaria Lucia Pascarelli, in ogni piatto di questo ristorante è possibile trovare un nuovo modo di vedere i piatti classici siciliani usando tecniche innovative, come la cucina molecolare.

Donna Coraly è la base ideale per esplorare questa parte della Sicilia, infatti se riuscite a tirarvi fuori dal relax offerto dal resort, godetevi un’escursione fatta su misura proposta direttamente da Lucia: ad esempio un salto a Siracusa per ascoltare della musica lirica al teatro greco o un giro in barca intorno alla costa sud di Siracusa. L’Infiorata annuale di Noto, si svolge il terzo fine settimana di maggio ogni anno, ed è qualcosa da pianificare. Questa festa spettacolare è diventata un evento in calendario dalla risonanza internazionale che celebra questo patrimonio mondiale dell’UNESCO. Tuttavia, Donna Coraly è a circa 2,5 km dalla splendida spiaggia di Fontane Bianche ed a 7 km dalla Riserva naturale protetta del Plemmirio, a 6 Km da Siracusa, 25 Km da Noto, a 30 Km dalla Riserva Naturale di Vendicari, a 70 km da Ragusa e ad un ora di auto dall’aeroporto di Catania.

Visitare il Teatro GrecoImpressionante, solenne, intrigante, con una vista mozzafiato. Star seduti sulle scalinate ed ascoltare Medea, Agamennone o Edipo, addirittura anche senza attori sulla scena; si tratta di un luogo così suggestivo! E’ una testimonianza dei diversi periodi storici, dall’età preistorica alla tarda antichità all’epoca bizantina. Il Teatro Greco è uno dei più grandi nel mondo greco, scavato interamente nella roccia. Nei tempi antichi è stato utilizzato per giochi ed assemblee popolari, oggi è un luogo in cui la tragedia greca rivive attraverso la serie di rappresentazioni classiche che si svolgono ogni anno grazie alla INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico). Al tramonto, e forse anche con una luna piena, sulle scale del teatro greco, si ha un’esperienza unica.

Esplorare l’Orecchio di DionisoIl leggendario Orecchio di Dionisio è la più famosa grotta di Siracusa. Si chiama così per via della sua forma da orecchio d’asino e soprattutto per le sue proprietà acustiche notevoli che amplificano i suoni. Secondo la leggenda, il tiranno Dioniso teneva i prigionieri all’interno per poi poter ascoltare le loro conversazioni. Si tratta di una grotta artificiale situata in un’antica cava di pietra chiamata Latomia del Paradiso, sotto il Teatro Greco di Siracusa.

Scoprire le bellezze di OrtigiaLa Piazza del Duomo è una delle più belle piazze d’Italia! Circondata da magnifici palazzi barocchi e il cuore della vita civile e religiosa di Ortigia. La cattedrale è l’unico esempio al mondo di un tempio pagano ed attualmente chiesa cristiana. Sorge sui resti di un tempio dedicato ad Atena che è stato costruito nel 480 A.C. Mantiene, dietro la facciata barocca, un gioiello del passato come le colonne doriche ancora visibili sia all’esterno che all’interno. Sul retro della piazza si trova la chiesa di Santa Lucia alla Badia, che ospita il dipinto di Caravaggio “Il seppellimento di Santa Lucia”. Il Castello Maniace è uno dei più suggestivi castelli di tutta l’isola. Un vero simbolo del potere ed opera del genio dell’imperatore Federico II, circondato dai colori del mare. Una fortificazione militare del 5° secolo A.C., dove Archimede difese Siracusa dagli attacchi dei nemici. Il luogo in cui la leggenda della combustione di vetro di Archimede ha origine ed è uno delle più grandi e complete opere militari del periodo greco. E’ stato probabilmente costruito da Dioniso per completare il grande sistema difensivo chiamato “muri dionisiaci”, che correvano lungo il bordo dell’altopiano di Epipoli. Il Tempio di Apollo è una rovina greca che può essere immediatamente notata quando si arriva alla piccola isola di Ortigia. In serata, grazie alle luci, si può godere di uno spettacolo unico, il tempio si trova nel mezzo di strade moderne e piena di negozi locali, creando un piacevole contrasto. Il tempio dorico nella più antica pietra della Sicilia è anche uno di quelli con la storia più travagliata. Prima era una chiesa paleocristiana, poi moschea, poi una chiesa ancora in epoca normanna e la caserma al tempo di Carlo V. La Fonte Aretusa è un piccolo lago pieno di vita e colore con un’atmosfera mitologica: Alpheus e Aretusa, si possono ancora sentire! La fontana ha origine da una sorgente di acqua fresca e crea un laghetto semicircolare dove pesci, oche ed anatre vivono tra il verde e le piante del fiume naturale Papiro (Papireto) d’Europa che qui crescono rigogliosamente.

Girare per l’Antico Mercato di Ortigia Una festa di colori, profumi e sapori autentici della campagna, il fascino degli antichi mercati. All’ingresso di Ortigia, sarete accolti dal profumo di tutti i tipi di spezie, peperoncino dall’Etna, torte di mandorle, così come i frutti di mare e pesce fresco. Un piccolo mercato animato dalle colorate “vanniate”, frasi orecchiabili in siciliano gridato per attirare i clienti. Acquistate una rarità: u Strattu, un meraviglioso concentrato di pomodoro naturale, utile per arricchire sughi e stufati. Una bella occasione per conoscere i prodotti locali ed imparare nuove ricette siciliane.

Esplorare il Plemmirio – Fondata nel 2005, l’Area Marina del Plemmirio è la più giovane oasi marina in Italia. Si estende su una superficie di circa dodici chilometri di costa e più di 2.500 ettari di mare. L’area marina protetta è divisa in tre parti denominate A, B e C, con lo scopo di fornire la massima protezione delle zone di maggior valore ambientale, che rientrano principalmente nella zona “riserva integrale” (A) – il vero cuore della riserva marina. Una serie di attività – tra cui immersioni – sono ammesse in zona B, denominata “riserva generale”, anche se regolata e concessa in licenza da parte della direzione. L’Area C è invece la “riserva parziale”, dove si trova la maggiore estensione dell’area marina protetta. Insieme con il paesaggio spettacolare e le specie marine, queste fessure rendono ancora più attraenti e suggestive le immersioni guidate da migliaia di appassionati che ogni anno, quando arriva l’estate, piace tuffarsi nelle limpide acque di questa riserva marina.

Visitare NotoNoto è una top-model di architettura, una bella cittadina barocca così stupenda che si potrebbe scambiare per un set cinematografico. Situata a meno di 40 km a sud ovest di Siracusa, la città è sede di uno dei più bei centri storici della Sicilia. Il pezzo forte è Corso Vittorio Emanuele, una passerella fiancheggiata da eleganti palazzi barocchi e chiese. Ipnotica in qualsiasi momento della giornata, è particolarmente emozionante in prima serata, quando gli edifici rosso-oro sembrano brillare con un morbido interno di luci. Anche se la città chiamata Noto o Netum esiste da molti secoli, la Noto che si vede oggi risale ai primi del 18° secolo, quando fu quasi interamente ricostruita a seguito del devastante terremoto del 1693. Creatore di molti degli edifici più belli è stato Rosario Gagliardi, un architetto locale il cui stile estroverso è visibile anche nelle chiese di Modica e Ragusa.

Scalare il VulcanoA dominare il paesaggio della Sicilia orientale, l’Etna è una massiccia presenza minacciosa. Con un’altitudine di 3329 mt è la montagna più alta d’Italia a sud delle Alpi ed è il più grande vulcano attivo d’Europa. E’ in uno stato quasi costante di attività e le eruzioni si verificano di frequente, in modo più spettacolare dai quattro crateri sommitali, ma più spesso, e più pericolosamente, dalle fessure ed i vecchi crateri sui fianchi della montagna. Questa attività, che è strettamente monitorata da 120 stazioni di attività sismica e satelliti, significa pure che è a volte è chiuso al pubblico. Dal 1987 il vulcano e le sue pendici sono state parte di un parco nazionale, il Parco dell’Etna. Che comprende 590 km quadrati e circa 21 città, un variegato paesaggio del parco spazia dalla  montagna innevate ai deserti lunari ricchi di sterile lava nera, boschi di faggi e rigogliosi vigneti dove si produce un vino DOC molto apprezzato.

Visitare Taormina – Arroccata sul fianco di una montagna, Taormina è una delle mete estive più popolari della Sicilia, una località popolare per coloro che vogliono un assaggio della dolce vita siciliana. Fondata nel 4° secolo A.C., Taormina godette di grande prosperità sotto il sovrano greco Gelone II e poi sotto i Romani, ma è caduto nel dimenticatoio dopo essere stata conquistata dai Normanni nel 1087. La sua reincarnazione come destinazione turistica è datata 18° secolo, quando nordeuropei l’hanno scoperta con il Grand Tour. Tra i suoi fan c’era DH Lawrence, che qui visse tra il 1920 e il 1923.

Contrada San Michele
96100 Siracusa, (Italia)
info@donnacoraly.it | donnacoraly.it

Siracusa: perché no?!?

Siracusa, nota agli anglofoni come Syracuse, è una meraviglia per gli occhi. Una delle più grandi capitali antiche della civiltà occidentale, la città fu fondata nel 734 A.C. da coloni greci di Corinto e presto crebbe fino a rivaleggiare ed a superare, Atene in splendore e potere. E’ diventata la più grande e la più ricca città-stato in Occidente ed un baluardo della civiltà greca. Anche se Siracusa ha vissuto sotto la tirannia, governanti come Dionisio l’hanno riempita di greci di altissima statura culturale, tra i quali i drammaturghi Eschilo e Euripide ed il filosofo Platone. Gli Ateniesi, che non hanno mai visto di buon grado la crescita di Siracusa, vollero conquistare la Sicilia, ma gli indigeni li superarono in astuzia in quella che fu una delle più grandi campagne militari della storia antica (413 A.C.). La città continuò a prosperare fino a quando venne conquistata due secoli dopo dai Romani.

Oggi Siracusa ha ancora alcuni dei migliori esempi di arte e architettura barocca; drammatiche rovine greche e romane; ed un Duomo che è leggenda, un microcosmo di tutta la storia della città in un unico edificio. La città moderna ha anche un meraviglioso, vivace, centro storico barocco degno di una vasta esplorazione, così come piacevoli piazze, caffè all’aperto e bar, e un vasto assortimento di ottimi frutti di mare. Ci sono essenzialmente due aree da esplorare a Siracusa: il Parco Archeologico (zona archeologica), sulla terraferma; e l’isola di Ortigia, l’antica città prima abitata dai Greci, che si protende verso il Mar Ionio ed è collegata alla terraferma da due piccoli ponti. Ortigia sta diventando sempre più popolare tra i turisti, e sta cominciando a perdere il suo fascino antico a favore di negozi moderni.

Guardate il video di Luca Morreale (cliccate qui) per vedere un timelapses incredibile di Siracusa  vista da diversi angoli della città. Il video rivela i diversi momenti di vista quotidiana della città, dove il videomaker mostra appieno il suo amore per Siracusa, che all’epoca era la più importante e bella città della Grecia antica.

Dove dormire: Donna Coraly è un boutique resort appartato e tranquillo, di proprietà da generazioni della famiglia Grande di San Michele (c’è anche una piccola cappella privata). È gestito da Lucia Pascarelli, la nipote della signora Coraly. Donna Coraly ha le qualità che rendono un soggiorno qui una delle esperienze più memorabili della vita. Questa villa aristocratica non è solo un’oasi di pace, di bellezza e di autenticità, ma è anche un elemento tangibile dell’importanza della Sicilia nella storia della penisola italiana. Infatti ha un più di 600 anni di storia, qui il 3 settembre 1943 il governo italiano ha firmato il segreto armistizio incondizionato di Cassibile con gli Alleati. Donna Coraly offre cinque suite, tutte spaziose e arredate con gusto con eleganti mobili antichi del 19° secolo. Molti degli dettagli interni sono parte del patrimonio della famiglia di Lucia da generazioni. Le suite luminose e accoglienti fanno sentire subito a casa. Il mix di passato e presente vi farà innamorare di questo incantesimo. Ogni suite dispone di una cabina armadio, pavimenti realizzati con piastrelle in maioliche, mobili del 19° secolo e pezzi d’arte moderna. Ospitalità, comfort e qualità portati ad un livello superiore, questo è ciò che distingue tutte le suite e l’intera proprietà. Uno chef sempre disponibile è pronto per offrire la tipica cucina siciliana utilizzando i prodotti a km zero dell’orto botanico dell’hotel).

Other Hotels