Girovagare per la Cina

Girovagare per la Cina

Il solo pensiero di girovagare attraverso la Cina e di dover scegliere quale città visitare e quali evitare, può sembrare scoraggiante. Eppure, con il suo passato complicato, monumenti simbolo, affascinante architettura e cucina intrigante, il paese più popoloso del mondo ha così tanto da offrire ai viaggiatori che non si può neppure immaginare. La Cina è il secondo paese più grande del mondo per superficie in quanto copre circa 9,6 milioni di chilometri quadrati e ha 1,3 miliardi di abitanti. Iniziando dalla Grande Muraglia Cinese (foto sopra), passando per la Città Proibita e concludendo con il panda di Chengdu, c’è così tanto da scoprire in questa grande nazione, che è impossibile non rimanere affascinati. Per aiutarvi ad organizzare il giusto tour della Cina, abbiamo messo insieme una lista delle nostre otto città da visitare mentre siete lì.

Pechino

Da non perdere: Girare per gli Hutong

Probabilmente una delle città più famose nella nostra lista, Pechino è il cuore e l’anima del paese ed è una delle sei antiche città cinesi. Vedendo circa 4,4 milioni di turisti internazionali all’anno e 140 milioni di visitatori cinesi, è anche una delle più popolari destinazioni turistiche del mondo. Casa della La Grande Muraglia, la Città Proibita, piazza Tiananmen, il Gran Teatro Nazionale, Pechino Zoo e le Tombe Ming, questa metropoli è piena di luoghi che vi terranno occupati durante il vostro viaggio. Un modo divertente per vedere tutto è quello di fare come la gente del posto e andare in bicicletta per le strade della città.

Chengdu

Da non perdere: Monte Qingcheng

Città natale di panda giganti, hai bisogno di altre info? La città è uno spartiacque tra Emei Shan e Le Shan, i monti buddisti, e uno dei più importanti centri di allevamento di panda. Ma a parte loro, la città è anche conosciuta come la capitale gastronomica della Cina. Di sicuro Chengu non avrà tutta la brillante architettura e le attrazioni di Pechino, ma la gente del posto ama la città per la sua cultura del tea. Risalente ad oltre 1.300 anni fa, bere il tea è una antica usanza qui e di assoluta centralità nella vita quotidiana dei locali. Fa così tanto parte della loro cultura, che invece di esserci alcol nei loro fiaschi, i locali li riempiono di foglie di tè in modo che quando l’acqua calda è tutt’intorno, il tea è fatto. Le strade sono occupate con molte case da tea nello stesso isolato. A parte la bevanda calda, Chengdu è una città molto rilassata e rilassante, perfetta per una pausa tra diverse destinazioni.

Hangzhou

Da non perdere: L’Hangzhou Botanical Garden

Una delle più belle città della Cina e celebrata da poeti e artisti, Hangzhou è una destinazione da sogno nonché patria del West Lake, un grande lago progettato per la spiritualità ed il relax. I turisti sono stati a lungo attratti dai panorami e dalle dolci colline di Hangzhou che sembrano provenire direttamente da acquerelli cinesi. Fiancheggiata da edifici antichi, giardini e separati da strade rialzate, i viaggiatori possono scoprire templi, pagode e fattorie. Passeggiando sul lago, è anche possibile testare le vostre abilità vocali facendo un po’ di karaoke con musicisti professionisti che possono suonare qualsiasi cosa si richiede.

Hong Kong

Da non perdere: Corsa di cavalli all’Happy Valley Racecourse

Una scintillante metropoli dei nostri giorni, Hong Kong è una vivace città piena di cucina internazionale, antiche tradizioni ed è sede di uno dei più grandi centri commerciali del mondo. Vanta la più alta concentrazione al mondo di grattacieli, ed è anche una città piena di spazi verdi, vista sulle montagne e spiagge sabbiose. Ricorda il trambusto di New York City, la gente del luogo sembra correre vorticosamente anche grazie ai mezzi pubblici che sono tra i migliori al mondo. Tra gli edifici del 21° secolo, i viaggiatori possono ancora individuare i segni dell’antica Cina attraverso templi taoisti, praticanti di Tai Chi al parco e barche in legno che galleggiano nel porto.

Jiuzhaigou

Da non perdere: Huanglong – Wucai Hai

Gli amanti della natura devono dirigersi a Jiuzhaigou. Situata nella valle delle montagne della provincia nord-occidentale del Sichuan, Jiuzhaigou si allunga per circa 49 km di lunghezza ed è elencata come un Unesco World Heritage Site Nature. Descritta come terra da favola e dal nome dei nove villaggi tibetani della valle, la zona è una meta suggestiva che sembra troppo bella per essere vera. Immagini di questa valle possono sembrano ritoccate, a causa dei loro toni turchese profondo e brillanti colori arancio in autunno. Ma una volta lì, è chiaro che le immagini difficilmente rendono giustizia. Jiuzhaigou ha fitte foreste, prati verdi, fiumi, laghi e cascate che scorrono attraverso il suo territorio. Dei nove villaggi d’origine, la città ha ancora sei villaggi tibetani rimasti e 1.000 tibetani residenti. Il periodo migliore per andare lì è da settembre a novembre, e un viaggio a metà settimana è preferibile per evitare la folla durante i giorni del fine settimana.

Lhasa

Da non perdere: Il Monastero di Ganden

Quando si pensa al Tibet probabilmente vengono in mente quasi immediatamente il Dalai Lama, i bellissimi templi ed i monaci buddisti, (o, se vogliamo essere onesti, a Brad Pitt per primo e poi tutte quelle altre cose). Naturalmente, tutte queste cose sono vere, ma che altro possiamo sapere su una destinazione spirituale? Lhasa (Luogo degli Dei) è considerata una delle città più importanti del Tibet, alta 11.500 metri, è una delle città più alte al mondo. Il suo parco si trova nello scintillante Potala Palace (ex casa del Dalai Lama), un trio di monasteri conosciuti come i “tre pilastri del buddismo tibetano,” con una splendida serie di antichi monasteri e palazzi. Chi diffonde aromi di incenso crea un senso di tranquillità, mentre il suggestivo vecchio quartiere tibetano serve a ricordare la vita tradizionale tibetana. Il quartiere è pieno di ristoranti casual, piccole pensioni e mercatini locali. Tutto è completamente percorribile, quindi non è necessario preoccuparsi come muoversi quando siete lì.

Shanghai

Da non perdere: Shanghai Opera House

E’ una città particolarmente prospera e la più grande della Cina, Shanghai è grondante di prestigio, misticismo, stravaganza e promesse di fortuna. Situata sul Mar Cinese Orientale, è la città più sviluppata del paese ed è piena di grattacieli moderni costruiti accanto a viali coloniali e quartieri storici. E’ sicuramente come l’immaginate, appariscente, illuminata, con strade affollate, con viali dedicati allo shopping ed un sacco di ristoranti dove soddisfare ogni desiderio che si possa avere. La sera, tante le feste in giro, cosicché i viaggiatori possono avventurarsi in sale eleganti, club con dj famosi o locali dove suonano musica jazz dal vivo sul Bund. Assicurati di vestire in maniera appariscente per impressionare come lo sono sempre i locali, tant’è che Shanghai viene denominata la “Parigi dell’Est”.

Xi’an

Da non perdere: Grotte di Mogao

Se avete messo in preventivo di visitare Xi’an, probabilmente siete diretti lì per vedere la guardia armata in piedi, in massiccia terracotta, posta sopra la tomba del primo imperatore della Cina. Scoperta nel 1974, la collezione di sculture è una forma di arte funeraria raffiguranti gli eserciti di Qin Shi Huang che proteggono l’imperatore nella sua vita ultraterrena. Ma prima di queste scoperte, Xi’an era conosciuta come l’inizio della Via della Seta, che ha permesso di far commercio in Eurasia tra molti paesi. La città ha raggiunto il picco durante la dinastia Tang (618-907) e durante il regno Xuanzong della Tang (712-55), che era il più grande ed il più colto insediamento cosmopolita sulla terra. Ma oggi è solo un barlume di se stessa. Tuttavia, secondo un rapporto del luglio 2012 dell’Economist Intelligence Unit, è stata nominata come una delle 13 megalopoli (città o gruppo di città con una popolazione di oltre 10 milioni) che emergerà in Cina entro il 2020. Xi’an ospita commercianti , monaci, imperatori, poeti e guerrieri, rendendola un melting-pot di culture e religioni. E’ sicuramente un parco giochi per gli appassionati di storia in quanto la città detiene un numero sufficiente di storie antiche e notevoli monumenti e templi all’interno delle sue mura, che aiutano a tenere i visitatori occupati durante la visita di una settimana.




Related Posts